TESSERINI RFID PER BEGGIATURA

PROGETEC è dotato di un sistema di riconoscimento utente attraverso l’utilizzo di dispositivi RFID.

Tale sistema, dotato di un algoritmo di sicurezza che ne garantisce l’integrità e la non eludibilità, è utilizzabile sia per eseguire il login al sistema (interfaccia operatore) sia per effettuare la beggiatura in ingresso, uscita e alle macchine degli operatori.

Associazione dei tesserino agli utenti

I tesserini possono essere associati ai singoli utenti del sistema autonomamente. Dall’interfaccia utenti (PERSONALE / RISORSE) è possibile individuare l’icona dell’RFID per ognuno degli utenti.

Cliccando su tale icona si accede ad una schermata che consente l’inserimento del codice del tesserino (elenco consegnato separatamente). Salvando si ottiene l’associazione dell’utente al tesserino.

Da questo momento quando il tesserino verrà utilizzato per beggiare o per fare il login nel sistema, verrà  rilevato come beggiatura o login dell’utente. Tale associazione potrà  essere cambiata in qualunque momento.

INSERIMENTO DI UNA RdA

L’acronimo RdA sta Richiesta d’acquisto. Tale richiesta arriva di solito dal reparto produttivo di un’azienda che fa una richiesta, all’ufficio acquisti, perché inoltri un ordine d’acquisto (OdA) verso il fornitore.

La RdA può essere una generica richiesta di materiale che sia descrittivo e libero (ad esempio per DPI come guanti o materiale di consumo come lubrificante) oppure definito specificando un COD.COMPONENTE presente nell’anagrafica di sistema.

Nel caso in cui la RdA sia relativa ad un semilavorato è possibile effettuare una ricerca mirata nell’anagrafica del componente specificando il materiale o la forma del semilavorato (ad esempio Larghezza X Altezza X Lunghezza se si tratta di una barra e Diametro X Lunghezza se si tratta di un tubolare o barra a sezione circolare).

I responsabili dell’ufficio acquisti, appena effettuato l’accesso al sistema, visualizzeranno l’elenco delle RdA da evadere con un e potranno trasformarle con pochi click in RdA anche selezionandone più di una contemporaneamente se il fornitore è lo stesso.

Di seguito viene descritta una procedura per l’inserimento della RdA.

Caso 1 – CONOSCO IL CODICE MATERIALE

In questo caso è sufficiente inserire il codice materiale nel campo COD.COM./MATERIALE.

Se non si ricorda esattamente il nome è possibile compilare solo in parte il campo e cliccare successivamente sul tasto sulla destra

Verrà così proposto un popup con i materiali contenenti tali caratteri

Sarà quindi sufficiente selezionare una di queste voci per vedere il campo della RDA compilato.

Caso 2 – NON CONOSCO IL CODICE MATERIALE

PRODUZIONE > RDA 2

Selezionare [NON CONOSCO IL COD.MATERIALE]

Inserire le informazioni disponibiliad esempio Acc (per Acciaio) 200 x 20 e cliccare PROSEGUI

Se “NON ESISTONO PRODOTTI SIMILI ” è possibile inserire il nuovo codice componente con una descignazione che viene proposta dal sistema (ma che è possibile variare)

A questo punto si inserisce il nuovo componente cliccando su [INSERISCI …]

Completare la descrizione con i dati di interesse e premere [SALVA]

A questo punto si è inserito un nuovo componente dal quale sarà possibile inserire dettagli come la distinta, foto, ciclo oppure inserire una RDA

Caso 3 – CONOSCO IL COD.MAT. DA FABBRICARE MA NON QUELLO DEL MATERIALE NECESSARIO

Selezionare [CONOSCO IL COD.MAT. DA FABBRICARE]

Inserisco il codice del materiale che devo produrre e clicco su [PROSEGUI]

Comparirà la lista dei componenti figlio (distinta) che occorrono per realizzare il padre.

Ad esempio:

Cliccando sul codice Materiale [INOX40x1] dell’esempio verrà automaticamente predisposta la RdA per tale materiale.

Manuale apertura RdA

SCARICA LA GUIDA PER QUESTA FUNZIONE

 

leggi anche: GENERAZIONE di OdA da RdA

PARAMETRI DI STAMPA DOCUMENTI E NUMERO DI CIFRE DECIMALI

Un cliente ci chiede

“è possibile far comparire 6 cifre decimali dopo la virgola negli importi e nelle quantità quando si generano le stampe dei documenti come Ordini di acquisto, DDT e Fatture?”

Certo, i documenti possono essere personalizzati al massimo sia come grafica che sulle impostazioni come questa.

In generale però può provvedere a specificare questi parametri all’interno di alcune specifiche opzioni di stampa. Cliccando sul tasto PDF*

Accederà ad un menù nel quale è possibile personalizzare il numero di cifre decimali visualizzate oltre le quali il sistema procederà con un arrotondamento.

Da questo menù è inoltre possibile inserire una o più immagini di firma inserite nel sistema e disabilitare la stampa dello sfondo (opzioni utilizzabile per la stampa con carta prestampata o prestampata).

 

 

CATTIVI PAGATORI

Un cliente ci chiede:

“Abbiamo bisogno di un blocco cliente per fermare gli Ordini di Lavoro legati ai cattivi pagatori. E’ possibile realizzarlo sul nostro sistema?”.

La risposta ovviamente è sì.

La crisi morde ed alcuni stanno approfittando per tirare per il collo i propri fornitori. Lavorare a testa bassa prendendo ogni commessa con lo stesso livello di priorità, oltre che incauto potrebbe rivelarsi controproducente. Quindi riteniamo che la richiesta di sviluppo possa essere accolta poiché aggiunge ulteriore valore all’applicativo.

I tempi per lo sviluppo di una funzione simile possono essere anche molto brevi se completiamo la fase di analisi in modo accurato.
Come le altre funzioni, una volta implementata, costituirà una opzione in più per tutti i nostri clienti.

GESTIONE DOCUMENTI

Documenti

I documenti possono essere di vario genere, FATTURE, DDT, PREVENTIVI, Note di Credito, Cartellini…

Con la funzione copia è possibile trasformare un documento in uno analogo o uno di altro tipo (ad esempio trasformare un PREVENTIVO o un DDT in FATTURA)

Azione personalizzata: Se da DDT viene generata una fattura ad esempio cliccando sul tasto nella colonna AZIONE, al posto del tasto personalizzato e di colore rosso comparirà un nuovo tasto verde che, se cliccato, permette di aprire direttamente il documento (Fattura) collegato. Se non vuoi aprire il documento ma semplicemente individuare il numero basta portare il mouse supra il pulsante personalizzato (senza cliccare).

FUNZIONI DI GRUPPO

Alcune funzioni si attivano eseguendo una selezione multipla sui documenti, tra queste invio di sintesi INVIO DOC e COMPATTA DOC.
La compattazione di documenti può essere effettuata in due modi ANALITICO e SINTETICO.

  • Con il primo nel documento generato verranno compattate tutte le righe dei documenti di origine
  • Con il secondo, più indicato quando le righe sono numerose, nel documento di destinazione verranno sintetizzate le sole intestazioni dei documenti di origine riportando per ogni l’importo totale.

Stampa in serie

E’ possibile effettuare la stampa in serie di più fatture contemporaneamente.

Ecco come:

1. documenti -> apri documento -> fatture

2. si selezionano con un flag le fatture si vuole stampare (dopo aver magari applicato un filtro per cliente)

3. in basso alla pagina selezionare FILTRA

4. sempre in fondo alla pagina comparirà la dicitura STAMPA x DOCUMENTI

5. il risultato sarà il download di un solo documento PDF che contiene tutte le fatture selezionate che potrà essere inviato alla stampante o allegato ad una email.

Invio ed esportazione documenti

  1. selezionare i documenti interessati utilizzando i check sulla sinistra
  2. selezionare poi AGGIORNA e successivamente su INVIO DOC
  3. per ogni cliente vengono raggruppati tutti i documenti (tra quelli selezionati) e per ognuno è possibile selezionare diverse azioni, email di sollecito, documento di sollecito modificabile (formato RTF), documento di sollecito in PDF ed infine Ri.Ba.
  4. In alternativa è possibile utilizzare questa schermata per esportare dei documenti per l’intera lista (tutti i clienti): è infatti possibile creare una RiBa complessiva (in questo caso vengono considerati solo i documento in cui il pagamento specificato è RiBa) oppure effettuare una esportazionein file CSV*dell’intera lista di documenti.

*CSV comma-separated values (abbreviato in CSV) è un formato di file basato su file di testo utilizzato per l’importazione ed esportazione (ad esempio da fogli elettronici o database) di una tabella di dati. Questi file possone essere comunemente aperti con MS Excel o OpenOffice. Nel caso in cui nell’aprire il file i dati non venissero strutturati per righe e colonne, è necessario aprire prima il programma (ad.es. Excel) e fare

FILE > APRI > selezionare il file scaricato in formato CSV

NB: Il separatore utilizzato di fefault è l abarra verticale “|”.